Frate Egidio da Greccio a Piediluco

A partire da 550€ a persona

DETTAGLI

“Lo Spirito Santo che condusse Francesco di Assisi su questo monte guidi anche te alla visita al Sinai francescano”: con questo spirito il viaggiatore parte alla scoperta dei luoghi francescani di questa zona, tra il Lazio e l’Umbria. Qui Francesco si recò numerose volte e questi luoghi conservano numerosissime testimonianze del suo passaggio.

DIFFICOLTA’: MEDIA

SISTEMAZIONE: 4 notti in Agriturismi e Hotel.

PREZZO: 415 € a persona in camera doppia/matrimoniale, 475 € a persona in camera singola.

IL PACCHETTO COMPRENDE: trattamento di mezza pensione con sistemazione in camera doppia/matrimoniale o singola, pranzo al sacco (per gruppi di min. 10 persone), kit di benvenuto del pellegrino (zaino o t-shirt e guida cartacea), biglietto per la visita alla Cascata delle Marmore.

Su richiesta verrà emessa la Credenziale nominativa del Pellegrino.

SERVIZI EXTRA: per gruppi precostituiti quotazioni su misura e possibilità di itinerari personalizzati. Transfer persone/bagagli da struttura a struttura. Light lunch. Assicurazioni.

VI CONSIGLIAMO: abbigliamento comodo, scarpe da trekking.

SI PRENOTANO PARTENZE TUTTO L’ANNO

ITINERARIO

PROGRAMMA

GIORNO 1

Si arriva a Greccio in giornata in modo da visitare il paese e i dintorni, cena in struttura e pernottamento in camera doppia/matrimoniale.

Inizia il cammino con una lunga e impegnativa tappa. La difficoltà è tuttavia ricompensata dal paesaggio presso il santuario di Fonte Colombo e dai bei sentieri ad anello intorno alla Valle Santa. Si consiglia di partire presto, per avere tempo di scoprire i monumenti di Rieti. km 23,8

GIORNO 3

Il cammino tocca due importanti santuari della valle francescana: La Foresta e Poggio Bustone. Chi cerca la pace e vuole, come San Francesco, fuggire dalla "pompa del mondo", trova in questi conventi appartati nel verde un luogo ideale. Si cammina alternando salite e discese, ma bisogna riservare energie per gli ultimi chilometri in salita per Poggio Bustone. km 18,4.

Si lascia la Valle Santa reatina per entrare in Umbria. Ad accogliere il pellegrino il Lago di Piediluco, tante volte immortalato dagli artisti del Grand Tour. La difficoltà della tappa è rappresentata dall'ascensione, a tratti ripida, al Faggio di San Francesco, ma si viene ricompensati dalla potenza dell'antico albero, ai cui piedi si può fare una pausa. Per il resto si cammina su sentieri e mulattiere piacevolissime. Km 22.

L'ultimo giorno si dedica alla meravigliosa Cascata delle Marmore, con una serie di sentieri e percorsi immersi nel verde. km circa 10.

Modulo di contatto pacchetto


    Pacchetti

    23 tours
    13 tours